Marò, corte indiana “Rientro immediato di Girone”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:56

Via libera al ritorno in Italia per Salvatore Girone. La Corte Suprema Indiana ha ieri espresso la decisione circa le modalità del rientro del marò, che secondo l’ordine del Tribunale Internazionale dell’Aja nel corso del procedimento arbitrale doveva rimanere in Patria.
L’India era chiamata ad esprimersi quindi sul modo e sulle tempistiche di rientro di Girone, e ha deciso per l’immediato rientro del fuciliere in Italia.

Soddisfazione è stata espressa anche dal premier, Matteo Renzi, che ha detto: “Confermiamo la nostra amicizia per l’India, il suo popolo, il suo governo. E diamo il benvenuto al marò Girone che sarà con noi il 2 giugno” affidando il proprio pensiero a Twitter. Il ministro della difesa ha espresso la soddisfazione per il rientro in Patria di Girone: “La Corte suprema indiana ha deciso: finalmente il marò Girone potrà tornare a casa. L’ho sentito al telefono, siamo felici e soddisfatti”.

Sono trascorsi quattro lunghi anni dal giorno della morte dei due pescatori per la quale furono accusati i due fucilieri. Da quel giorno, i due non hanno ancora saputo qual è il capo di imputazione per il quale sono rimasti detenuti anni in India. Ora l’arbitrato internazionale dovrebbe dare finalmente una soluzione all’intricato caso e soprattutto stabilire di chi sia la giurisdizione.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!