Pensioni, Boeri: “Flessibilità in uscita, unica soluzione”

Il sistema delle pensioni in Italia ha bisogno di nuove soluzioni, come sottolineato anche dal Presidente dell’INPS. In particolare il sistema pensionistico, che versa in una situazione di stallo e provoca forte malcontento negli italiani, ha bisogno di flessibilità “in uscita” secondo il presidente dell’INPS, Tito Boeri. Il presidente ha parlato alla Bicamerale di Vigilanza, sostenendo che nel contesto del sistema pensionistico italiano la flessibilità in uscita è “un processo utile, sia se si guarda ai giovani (…) sia se si guarda a lavoratori anziani”, le categorie più preoccupate circa la loro pensione, presente e futura.

pensioneNel 2023, come illustrato da Boeri, l’INPS avrà una passività patrimoniale di almeno 56 miliardi di euro. Riguardo a questo deficit, però, Boeri ha sostenuto che si tratta di un deficit sostenibile in quanto si tratterebbe delle prestazioni garantite dallo Stato ma non coperte da contributi. Inoltre ha sottolineato che i crediti nei confronti dell’istituto sono aumentati con la crisi.

La gestione dell’INPS, ha ricordato il presidente, costa almeno 4 miliardi di euro all’anno. 
Per quanto concerne invece la Busta Arancione, Boeri ha sostenuto infine la sua opinione: secondo lui questa iniziativa dell’INPS “Non inciderà sui consumi” e si tratterebbe inoltre di un’operazione che “riduce l’incertezza” anziché aumentarla.