Hiroshima, il giorno di Obama: la prima volta di un presidente USA

bomba atomica6 agosto 1945. Un boato infinito, una nuvola di fumo a forma di fungo. Paul Tibbets aveva appena sganciato la bomba atomica che distrusse la città di Hiroshima, in Giappone, provocando la morte di 300.000 persone.

Il capitano Robert Lewis, dopo lo scoppio, esclamò “Mio Dio, che cosa abbiamo fatto?”. Oggi un pò di quella frase rivive in una giornata molto importante per l’intera umanità. Per la prima volta da quell’orrendo 6 agosto, un presidente degli Stati Uniti in carica è in visita ad Hiroshima. Barack Obama è infatti atterrato nella città devastata dall’atomica 71 anni fa: l’Air Force One è infatti atterrato nella base dei marines di Iwakuni.

Obama ha già detto che non ha nessuna intenzione di “rivangare il passato”, ma piuttosto lanciare un generico messaggio contro tutte le guerre e un monito contro il nucleare, consapevole di quanto un gesto come questo possa avere un alto contenuto simbolico.

Come detto, Obama è il primo presidente USA in carica a recarsi ad Hiroshima. Prima di lui avevano fatto altrettanto Richard Nixon e Jimmy Carter: Nixon prima di diventare Presidente, Carter dopo aver terminato il suo mandato.

Fino ad ora, la visita statunitense più importante era stata quella dello scorso aprile, con il segretario di stato John Kerry. Una sorta di ‘prequel’ all’attuale visita di Barack Obama.