Energia, parte il quadro nazionale sui combustibili alternativi

Il quadro strategico italiano riferito ai combustibili alternativi arriverà, a metà giugno, al Consiglio dei Ministri. Dati i ritmi esso potrebbe entrare in vigore per metà novembre.
Nel corso del convegno “Alternative Fuels Conferences & World Fair 2016“, fiera mondiale che è proprio dedicata a carburanti alternativi, Giovanni Perrella ha confermato che il quadro arriverà presto a compimento. Si tratta del recepimento della direttiva UE sullo sviluppo di energia alternativa, come quella elettrica, ad idrogeno, a gpl e metano.

gplUn segno per l’ambiente, ma anche per i consumatori, dato che si tratta di combustibili a costo ridotto. Il mercato sceglierà i combustibili green migliori, ha sostenuto Perrella, che ricorda come la direttiva UE non elenchi quali siano questi carburanti.
Dopo il passaggio dal Consiglio dei Ministri, il testo sarà affidato alle commissioni parlamentari.

Esso contiene norme innovative, come quelle di installazione di impianti per distribuire gas, oltre che benzina e gasolio. Questo potrebbe essere il passaggio necessario per incentivare, a livello nazionale, l’utilizzo di energie alternative che fanno bene a portafoglio e ambiente. L’Italia, lo ricordiamo, è già leader mondiale nell’impiego di metano in vari settori, e ci sono migliaia di stazioni di rifornimento sul territorio nazionale. L’obbiettivo è  quello di aumentarle.

Roversi Mariagrazia