Ivrea, esplosione e fuoco in fabbrica di vernici, 14 feriti

L‘incidente in una fabbrica di vernici di Scarmagno, a Torino, ha causato un’esplosione e un rogo nel quale sono rimaste ferite 14 persone, per lo più soccorritori.
L’esplosione è stata dovuta, probabilmente, a delle bombole a gas che sono scoppiate. I feriti più gravi sono due vigili del fuoco, uno ricoverato al CTO con ustioni di terzo grado sul 7% del corpo, fortunatamente non è in pericolo di vita.

Altri vigili del fuoco sono rimasti ustionati tentando di domare le fiamme, uno di loro si è procurato un rogoprofondo taglio alla nuca ma è stato dimesso all’alba. Per gli altri, la prognosi è di guarigione in massimo 40 giorni.
Anche due poliziotti ed un carabiniere sono rimasti feriti nei soccorsi: uno dei militari si è fatto male alla spalle mentre portava via un bambino dalle case coinvolte nell’incendio, altri sono rimasti intossicati dal fumo.

Il rogo è stato di dimensioni colossali, i vigili del fuoco hanno lavorato tutta la notte per domare l’incendio che ha distrutto i capannoni anche vicini al complesso della fabbrica. La mattina il fuoco era spento: ora non resta che controllare se vi siano dei focolai sepolti sotto le macerie. L’ARPA si è diretta sul posto per controllare la qualità dell’aria. Si trovano sul luogo dell’incidente, del quale devono essere chiarite le cause, anche i carabinieri.

Mariagrazia Roversi