Il doodle del giorno: è la Giornata internazionale dei bambini

doodleCi sono ampie zone della terra in cui il diritto fondamentale del bambino al gioco non viene tenuto in minima considerazione. Paesi in cui i bambini sono costretti a crescere troppo in fretta, rinunciando per sempre alla spensieratezza che dovrebbe caratterizzare la loro età. In onore loro e di tutti gli altri piccoli abitanti del globo, Google ha scelto di dedicare il doodle del giorno alla Giornata Internazionale dei bambini. Una ricorrenza importante, che si celebra, ogni primo giugno, in Cina e in molti Paesi dell’Europa dell’Est come la Repubblica Ceca, la Repubblica Slovacca, l’Estonia, la Polonia. L’occasione giusta per ricordare a tutti gli adulti – che spesso s’impegnano per rendere il mondo un posto più bellicoso – che i “grandi” di domani dovrebbero essere tutelati e protetti ogni giorno.

A istituire la Giornata internazionale dei bambini è stata, nel 1925, la Conferenza mondiale di Ginevra sui diritti dell’infanzia. La celebrazione – che, come già detto, si festeggia soprattutto in Oriente – intende marcare l’accento sull’attenzione che dovrebbe essere destinata ai problemi dei più piccoli. Ed accendere un faro sulle tante situazioni difficili che li privano dei loro diritti fondamentali. L’idea è, infatti, quella di concentrarsi sui bisogni dei bambini che, ancora troppo spesso, sono costretti a sperimentare sulla loro pelle l’orrore di guerre e violenze destinate a segnarli per sempre. La festività di oggi è molto sentita in Cina dove, dal 1949, il Governo organizza attività di ogni tipo per i più piccoli elargendo, tra l’altro, regali ai figli degli impiegati statali. Mentre in Italia (così come in altri 145 Paesi del mondo), i bambini vengono celebrati (seppure “in sordina”) il 20 novembre, in occasione della Giornata mondiale del bambino istituita, nel 1954, dalle Nazioni Unite e dall’Unicef.

Il doodle del giorno rappresenta un girotondo di bambini, di nazionalità diverse, intenti a disegnare intorno al logo di Google. Dai cuori alle barche a vela, dalle stelle alle balene, dalle case alle montagne innevate, senza dimenticare gli arcobaleni, le mongolfiere, i fiori, le nuvole e i pianeti: i tratti che i piccoli protagonisti del doodle di oggi lasciano sull’immaginaria tela sono i simboli di un’infanzia che si nutre di fantasia e speranza. Che ogni adulto dovrebbe impegnarsi a tutelare. Dentro e fuori le mura domestiche.

Maria Saporito