Etna Comics 2016: un viaggio tra fumetti, folclore e cultura

IMG_0241Mi sono avvicinato all’Etna Comics con un minimo di scetticismo non conoscendo a fondo il mondo del fumetto e della cultura popolare di cui la fiera si fa portatrice. Sin dal primo momento sono stato favorevolmente colpito dall’organizzazione metodica e dalla cortesia dello staff sempre ben disposto e reattivo per ogni esigenza del cliente. In secondo luogo sono stato rapito dalla peculiarità dei frequentatori della fiera, migliaia di ragazzi facevano rivivere la propria passione per il fumetto, la serie tv, il film o il videogioco preferito interpretando uno dei suoi personaggi  ed in alcuni casi rasentando la perfezione, come nel caso dei due nazgul che sembravano provenire direttamente dai film di Peter Jackson

IMG_0246

L’Etna Comics era diviso in tre grandi aree: Videogiochi/Cinema, Mostre, Fumetti/Tornei.

L’area videogiochi e Cinema:

La prima sezione della fiera accoglieva l’area gaming, lo stand era diviso in due piani, nel primo piano si potevano trovare, sulla sinistra i pc con diverse tipologie di videogiochi che spaziavano dagli fps multiplayer competitivi ai simulatori di guida con tanto di postazione guida fino ad arrivare alla postazione realtà virtuale, mentre sulla destra entravi nell’area cinema in particolare dentro il mondo di Star Wars: appena sono entrato mi sono imbattuto nel malvagio Darth Vader e nelle sue truppe imperiali ( i generali, e gli storm trooper), dietro di loro c’era la postazione del signore dei sith all’interno della morte nera dove gli appassionati della saga potevano sedersi per scattare delle foto. Al secondo piano si trovavano una serie di stand dove gli appassionati di videogame potevano acquistare alcune copie dei loro titoli preferiti a prezzi scontati e la mia area preferita quella del retro game dove ho potuto rivivere l’emozione di giocare a Super Mario ed Alex Kid come quando ero bambino.

Le mostre

Appena usciti dall’ area gaming mi sono soffermato un attimo a guardare l’arena dove i maestri Jedhi insegnavano l’arte della forza e delle spade laser a piccoli e grandi

IMG_0244

Superata l’arena ho scoperto che dentro l’Etna Comics c’era spazio anche per l’arte e la storia, poco più avanti, infatti,  si trovavano due musei (anche in questo caso uno alla destra e l’altro alla sinistra): sulla sinistra si trovava il museo dello sbarco, una ricostruzione storica dell’arrivo delle truppe alleate che hanno liberato il sud italia dalla morsa nazista dove venivano organizzate delle simulazioni di bombardamento in grado di farti provare la paura di quei momenti terribili; sulla destra, invece, c’era la mostra del fumetto all’interno della quale ho apprezzato moltissimo quella di Dylan Dog, serie di fumetti tra le più amate in Italia rappresentata alla grande dai disegni del maestro Claudio Villa.

IMG_0228

Area Fumetti e Tornei

Dopo essere usciti dai plessi dedicati alle mostre, il percorso della fiera ti portava di fronte al palco dove i migliori Cosplayer (si fanno chiamare così quelli che si vestono come i personaggi dei manga e dei videogiochi) si sfidavano davanti ad una giuria che avrebbe deciso il vincitore. In fondo al centro fieristico di Catania (Le Ciminiere) c’era infine l’area shop (dove si potevano comprare fumetti e gadget legati al mondo dei fumetti) e l’area firme dove alcuni dei migliori disegnatori ed autori italiani si mettevano a disposizione dei fan per gli autografi. Al secondo piano erano allestiti diversi tavoli dove i ragazzi si potevano sfidare in tornei di carte, giochi da tavolo e scacchi.

Insomma sono rimasto piacevolmente sorpreso da questo evento che unisce cultura popolare a cultura storica, passione per il mondo della fantasia al folclore portato dai suoi partecipanti dimostrandosi adatto alle persone di tutte le età. Ringrazio, dunque, gli organizzatori per avermi permesso di partecipare a questo evento che alla sua sesta edizione ha raccolto migliaia di appassionati confermandosi, nel genere, l’evento più importante del sud Italia e che nel giro di qualche anno potrebbe diventare più grande persino del Lucca Comics.

IMG_0251

IMG_0252

Fabio Scapellato