Elezioni comunali: a Roma trionfa la Raggi. Milano e Torino: il Pd tiene, ma crolla a Napoli

“E’ un voto a macchia di leopardo, non è un’indicazione nazionale. Non siamo contenti.” Con queste parole il premier Matteo Renzi ha commentato i risultati delle elezioni comunali svoltesi nella giornata di ieri. In attesa del 19 giugno, quando i download (38)ballottaggi sanciranno i sindaci nelle città ancora vacanti, i risultati parlano prima di tutto di un voto, quello romano, che ha smosso gli equilibri di palazzo.

Virginia Raggi, la candidata 5 Stelle, ha infatti stravinto a Roma con il 35,25% dei voti staccando  Roberto Giachetti, fermo al 24,87%. Giorgia Meloni, per Fratelli d’Italia, si ferma al 20,64% mentre il candidato promosso da Silvio Berlusconi, Alfio Marchini, sfiora appena l’11% (10,97%). Male Forza Italia, arriva al 4,23% e la sinistra extra pd di Stefano Fassina ($,47%).

Negli altri capoluoghi cardine Milano vede il testa a testa tra Beppe Sala e Stefano Parisi. Il primo, in forze al Partito Democratico, ottiene il 41,69% dei voti contro il 40,77% del candidato del centro-destra. Tiene Torino, per ciò che riguarda il Pd, dove il sindaco uscente Piero Fassino raggiunge il 41,83% dei voti conto Chiara Appendino, candidata del Movimento 5 Stelle. Ma se anche a Bologna si assiste ad un testa a testa tra Virgilio Merola (Pd) e Lucia Borgonzoni, candidata del centrodestra, che se la giocheranno al ballottaggio del 19, il vero colpo per i renziani arriva da Napoli, dove la candidata Valeria Valente non è andata  oltre il 21,1 per centro e, di fatto, è fuori dalla corsa al ballottaggio che vedrà contrapporsi il sindaco uscente, Luigi De Magistris (48,2%) e Gianni Lettieri (24%).

Immediata la risposta del premier: “Il Pd?- ha detto in conferenza stampa- Non siamo contenti. Non siamo come gli altri che indossano il sorriso di ordinanza. Volevamo fare meglio, soprattutto a Napoli, dove c’è stato il risultato peggiore del Pd”.

Cagliari va per un soffio al sindaco uscente del Pd, Massimo  Zedda (50,96%), mentre a Benevento si è assistito al ritorno in campo di Clemente Mastella, vincitore sul filo di lana nei confronti dell’avversario Raffaele Del Vecchio: 33,42% contro 33,08%.

Giuseppe Caretta