Berlusconi ricoverato al San Raffaele per uno scompenso cardiaco

silvio-berlusconi-roma-2Quando è trapelato il rumor che Berlusconi era stato ricoverato al San Raffaele subito si è diffusa un atmosfera tesa e molta preoccupazione: dalle prima notizie sembrava, infatti, che l’ex cavaliere fosse stato ricoverato per un attacco cardiaco. Subito, però, sono arrivate le smentite di un possibile malore da fonti vicine a Forza Italia, la visita all’ospedale del Presidente del Milan sarebbe dovuta ad una serie di controlli di routine che nulla centrano con il presentarsi di improvvisi malori.

Qualche giorno fa il leader di Forza Italia avrebbe accusato alcun sintomi di stress, compreso uno scompenso cardiaco, che hanno allarmato i suoi medici, questi hanno deciso il ricovero preventivo dell’ex Premier per effettuare alcuni controlli ma nulla fa presagire qualcosa di realmente serio e preoccupante. Le rassicurazioni sulle condizioni di Silvio Berlusconi arrivano direttamente dal suo medico curante il professor Alberto Zangrillo: “Un episodio di scompenso cardiaco ha reso necessario il ricovero del Presidente Berlusconi presso l’ospedale San Raffele di Milano, la definizione diagnostica e le strategie terapeutiche saranno affrontate nei prossimi giorni”.

L’episodio cardiaco di domenica sera ha reso, dunque, necessario il ricovero preventivo ed i controlli sono stati pianificati in seguito a questo ma sembra che al momento Berlusconi stia bene e che non è previsto alcun intervento chirurgico, ne sapremo di più nei prossimi giorni.

Fabio Scapellato