Bomba nel cuore di Istanbul: 11 morti, decine di feriti

bomba11 morti e 36 feriti. E’ questo il tragico bilancio dell’esplosione di un’autobomba parcheggiata vicino alla fermata degli autobus nella centralissima piazza Beyazit, tra l’università di Istanbul e il gran bazar.

Dei 36 feriti, tre sarebbero molto gravi. Le vittime sarebbero 7 agenti di polizia e 4 civili: l’ordigno è stato fatto esplodere intorno alle 8:30 di stamane, al passaggio di un veicolo della polizia antisommossa turca.

Alcuni testimoni riferiscono di aver udito anche colpi d’arma da fuoco al momento della deflagrazione. La strage, come detto, è avvenuta in piazza Beyazit, che rientra nella parte europea di Istanbul. Proprio quella ‘Piazza della Libertà’ che tra gli anni Sessanta e Settanta è stata teatro di proteste e attacchi terroristici tra i più gravi dell’era della grande tensione in Turchia.

Il barbaro avvenimento di stamattina è solo l’ultimo di una lunga serie di attentati che stanno sconvolgendo Istanbul negli ultimi mesi. L’ultimo era avvenuto il 19 marzo, quando un attentatore kamikaze appartenente all’IS si era fatto esplodere in una via pedonale della parte europea di Istanbul, causando la morte di cinque persone (tra cui tre israeliani e un iraniano) e ferendone 36. L’esplosione era avvenuta su viale Istiklal, la grande arteria commerciale.

Il 12 gennaio, sempre a Istanbul, un altro kamikaze facente riferimento ai terroristi dell’IS fece strage di turisti tedeschi vicino alla moschea Blu e a quella di Santa Sofia. Il bilancio complessivo fu di 10 morti.