“Vincenzo mi ucciderà”: Sara aveva previsto la sua morte

Sara Di Pietrantonio“Vincenzo mi ucciderà”: con queste semplicissime (ma agghiaccianti, nella loro crudezza) parole Sara Di Pierantonio aveva prefigurato il suo destino, parlando al suo fidanzato Alessandro Giorgi. A rivelarlo, lo stesso fidanzato della ragazza agli investigatori che indagano sull’omicidio della giovane, strangolata e bruciata viva (anche se in condizioni già gravissime) a Roma dall’ex fidanzato Vincenzo Paduano, guardia giurata.

La preoccupazione di Sara era giunta all’apice una settimana prima dell’omicidio, quando la ragazza era stata sorpresa dall’ex a baciarsi con la sua nuova fiamma: Paduano avrebbe quindi strattonato la donna e l’avrebbe fatta salire sulla sua auto per parlare.

E’ stato lo stesso Paduano a confermare la circostanza, secondo quanto riportato anche da ‘Il Messaggero’: “Io ho chiesto e poi intimato a Sara di salire in macchina per parlare con me. Non penso che finita una relazione debba finire anche il rispetto di una persona. Così ho preso Sara per un braccio e l’ho fatta salire in macchina. Le ho chiesto perché mai non dovesse rispondermi al telefono, sapendo che mi sarei preoccupato”.

Dopo l’incontro, una settimana di silenzio. Quindi un incontro nella casa di lei, con la ragazza che avrebbe ribadito la fine della storia.

Poche ore dopo la tragedia, covata nella testa dell’assassino (che qualche ora prima dell’omicidio aveva contattato un collega su Whatsapp per informarsi circa l’acquisto di uno spray urticante al peperoncino. Questo elemento sta venendo passato al vaglio per provare l’aggravante delle premeditazione, per adesso non riconosciuta).