Euro 2016, violenza Hooligan a Marsiglia, inglese ferito gravemente

Scontri fra hooligans e polizia francese a Marsiglia, nel vecchio porto: ieri sera è stata l’ennesima giornata di violenza e di scontri fra gli ultrà e gli agenti di polizia. La guerriglia urbana è avvenuta prima del match Inghilterra Russia, terminato 1 a 1.
Gli hooligans hanno scagliato pietre e bottiglie contro la polizia che usava lacrimogeni: almeno sei persone sono state fermate, 31 sono i feriti.

Il più grave è un inglese, colpito alla testa, e giunto al pronto soccorso con il cuore fermo.
Gli scontro sono avvenuti dopo una rissa fra ultras francesi, inglesi e russi, e quindi è partito uno scontro dalle scontridimensioni “impressionanti“, come ha detto anche il prefetto di polizia Nunez, ma poco dopo “è tornata la calma” prosegue.
Dopo il termine della partita Inghilterra Russia ci sono stati ancora disordini allo stato per il pareggio.

Intanto questa mattina quattro francesi sono stati arrestati: tutti ventenni, avrebbero scatenato una rissa che ha causato danni ad un albergo mentre se la prendevano con dei tifosi inglesi. Il ministro dell’interno Cazeneuve ha senza veli condannato “il comportamento irresponsabile e deliberato di pseudo-tifosi” che già durante i primi giorni dell’Euro 2016 rischia di compromettere la serietà e soprattutto la sicurezza dei giochi.

Mariagrazia Roversi