Messico, centinaia di ciclisti nudi per protesta

world-naked-bike-rideUna singolare protesta ha avuto luogo ieri pomeriggio in Messico, nella capitale del paese centro americano (Città del Messico) centinaia di manifestanti si sono presentati completamente nudi ed hanno sfilato al centro della città per smuovere le coscienze degli altri cittadini e lottare contro l’inquinamento eccessivo causato dalle macchine.

Non è la prima volta che gruppi di protesta scelgono l’arma della nudità per attirare maggiore interesse nei confronti della causa che stanno sposando: da anni un gruppo di femministe ucraine (Femen) inscena atti protesta durante manifestazioni pubbliche presentandosi integralmente nude con i loro corpi che fanno da tela ai messaggi che vogliono veicolare. L’esempio delle ragazze ucraine è stato seguito anche qui in Italia per protestare contro il numero crescente di femminicidi.

Sebbene ci siano esempi precedenti a questa manifestazione pubblica in Messico, in questi casi, si trattava di gruppi piccoli ed isolati di persone che puntavano sulla violenza visiva del proprio atto, quella di ieri in Messico ( come quella fatta in Perù qualche mese fa) è stata una protesta estremamente pacifica che ha coinvolto un grosso numero di persone e che per certi versi ha dato l’impressione di essere un occasione di gioia e di folclore dove i protestanti sfilavano mostrando la bellezza di un mondo naturale senza inquinamento e dove gli altri cittadini incuriositi e divertiti si soffermavano a guardare, scattare foto e girare video. Sebbene non ci sia un riscontro di utilità di questo genere di protesta, una cosa è certa la loro manifestazione ha avuto una visibilità internazionale.