Primarie USA, la Clinton trionfa a Washington e incontra Sanders

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:31

washington primarieVittoria netta. Hillary Clinton chiude la stagione delle primarie del Democratic Party affermandosi chiaramente nella capitale Washington, con il 78,7% dei consensi contro il 21,1% del rivale Bernie Sanders.

La Clinton non aveva bisogno di questo ultimo trionfo per aggiudicarsi la nomination, dato che l’ex first lady aveva già raggiunto il numero di delegati necessario (2383) per ottenere la candidatura unica dei Democrat nelle prossime elezioni presidenziali. Ma di certo il risultato a Washington DC rafforza ancora di più Hillary Clinton, che dà un’ulteriore prova di forza, nonostante le resistenze di Sanders.

Ma una volta stabilita la leadership, i due sfidanti si sono subito visti per un’ora e mezza di colloquio, al fine di delineare le strategie del partito da ora in avanti. Entrambi i comitati hanno affermato che durante l’incontro Clinton e Sanders hanno infatti discusso “l’unificazione del partito e la pericolosa minaccia che Donald Trump rappresenta per la nazione“.

Affrontati anche altri argomenti, come l’aumento dei salari, l’eliminazione dalla politica di denaro non dichiarato e la riduzione dei costi per i college, quest’ultimo tema molto caro a Bernie Sanders e cavallo di battaglia del senatore del Vermont in campagna elettorale. Un’agenda condivisa, quindi, soprattutto in chiave anti Trump. Stando all’ultimo sondaggio della Nbc News/Surveymonkey, la Clinton sarebbe avanti di 7 punti (49% contro 42) sullo sfidante repubblicano.