Ballottaggi amministrative, affluenza in calo: crolla Napoli, bene Milano e Torino

affluenzaAffluenza in calo nelle grandi città chiamate al voto per il ballottaggio dopo il primo turno delle elezioni amministrative svoltosi domenica 5 giugno.

Alle 12, stando a quanto riportato sul sito del Ministero dell’Interno, i votanti a Roma si attestavano intorno al 13,49% (contro i 14,46% del primo turno). Vero e proprio crollo a Napoli (10,06% contro i 15,16% del primo turno), calo evidente a Bologna (17,78% rispetto ai 20,76% del 5 giugno). In controtendenza Milano e Torino, che registrano un leggerissimo aumento nell’affluenza: 14,82% per il capoluogo piemontese (contro il 14,54% del primo turno), 15,86% per Milano (il 5 giugno era il 15,50%).

Calo dell’affluenza netto e generalizzato anche nei capoluoghi di provincia:Benevento 18,18% (24,74), Brindisi 14,01% (23,02) Carbonia 18,86% (21,95) Caserta 9,87% (21,07) Crotone 12,88%  (21,85) Grosseto 18,68% (21,77) Isernia 13,27% (19,63) Latina 18,75% (22,36) Novara 15,65% (17,10) Olbia 17,11% (19,97) Pordenone 18,46% (21,34) Ravenna 17,63% (19,40) Savona 17,41% (21,09) Varese 16,13% (17,49).

Per quanto riguarda il dato nazionale, alle 12 si è recato alle urne il 14,48% degli aventi diritto, rispetto al 16,89% del primo turno.

La regione con più affluenza alle urne è la Sardegna (17,82%), seguita da Emilia Romagna e Liguria. Bassa percentuale, invece, in Basilicata, Molise e Calabria. Curioso il dato calabrese, dato che al primo turno si era registrata l’affluenza più alta (22,10%).

Per i ballottaggi delle amministrative sono chiamati alle urne 8 milioni e 600mila italiani, dalle 7 alle 23 di oggi: i riflettori sono ovviamente puntati sui centri maggiori, ovvero Roma, Milano, Torino, Napoli e Bologna.