Omicidio di Rita Fossaseca, due persone a processo in Kenya

Due persone sarebbero state sottoposte al processo apertosi a Malindi, Kenya, per l’omicidio della dottoressa Rita Fossaceca, di Trivento. La donna venne uccisa il 28 novembre del 2015 da un gruppo di rapinatori, nel villaggio di Watamu, poco distante da Mombasa. Le due persone ritenute responsabili dell’omicidio sono state rilasciate su cauzione dopo essere state arrestate. Uno di loro era aiuto cuoco nella struttura dei volontari.

ritaLa dottoressa Rita Fossaceca, originaria di Trivento, era volontaria per l’associazione “For Life Onlus”, e lavorava in un orfanotrofio da lei creato in Kenya per i bambini orfani. Terribile l’omicidio, al quale hanno assistito i familiari che si trovavano con lei: Rita sarebbe stata uccisa da dei colpi di pistola mentre cercava di difendere la madre dagli aggressori.
Anche i genitori della donna, che hanno subito uno choc gravissimo e non sono più tornati in Kenya, sono stati chiamati a testimoniare in video conferenza.

I legali della famiglia hanno sostenuto: “Sono trascorsi sette mesi dalla sua morte (di Rita, ndr) ma alla famiglia è stato negato il diritto di sapere perché è stata massacrata Rita. Il dignitoso silenzio di dolore della famiglia non può far dimenticare la barbarie sofferta dalla nostra connazionale, in Africa per svolgere attività di volontariato, e non può declassare l’uccisione di Rita a una morte di seconda serie“.

Mariagrazia Roversi