Somalia, attacco di al-Shabaab in un albergo, almeno 7 morti e 10 feriti

Un attentatore di al-Shabaab si sarebbe fatto saltare in aria di fronte ad un hotel nel centro di Mogadiscio, tormentata capitale della Somalia. L’esplosione, con un’autobomba, sarebbe avvenuta di fronte all’hotel al Nasa-Hablod, e subito dopo una sparatoria fra miliziani e forze dell’ordine è avvenuta all’interno dell’albergo. Per ora le informazioni sono ancora abbastanza frammentarie.

hotel al Nasa-HablodL’esplosione sarebbe avvenuta attorno alle 15:30, ora italiana, e subito dopo lo scoppio dell’autobomba kamikaze alcuni uomo armati hanno fatto ingresso nell’hotel sparando con delle armi automatiche. Uno degli ospiti dell’albergo sopravvissuti ha sostenuto che i miliziani “sparato contro gli ospiti dell’albergo. Hanno colpito chiunque vedessero”. Per ora si parla di almeno 7 morti e 10 feriti, non ci sono ancora molte informazioni a riguardo.

Al-Shabaab ha rivendicato l’attacco suicida, l’ennesimo che scuote la Somalia, paese nel caos civile, economico e in mano ai fanatici islamici. Al-Shabaab è legato ad Al Qaeda: l’organizzazione terroristica aveva sostenuto che il numero degli attentati sarebbe aumentato in corrispondenza con il Ramadam, il mese sacro per i musulmani. L’hotel colpito è un luogo altamente simbolico, che ospita funzionari del governo e vari operatori umanitari. Il primo giugno i terroristi avevano colpito un altro hotel a Mogadiscio, uccidendo almeno venti persone.

Mariagrazia Roversi