Consiglio regionale approva sperimentazione cannabis terapeutica

cannabis terapeuticaPassi avanti in Friuli Venezia Giulia nella sperimentazione dell’utilizzo della cannabis a scopo terapeutico. Il Consiglio regionale ha infatti approvato la prima legge firmata Movimento 5 Stelle e promossa dal triestino Andrea Ussai, correlata a sperimentazione, ai fini di produzione, dei medicinali a base di cannabinoidi; pensata con la finalità di facilitare l’accesso alle terapie riducendo, nel contempo, i costi per il servizio sanitario regionale. Una legge che va a tenere in considerazione anche l’accordo, datato settembre 2014, tra ministero della difesa e della salute, avente come obiettivo la produzione, a livello nazionale, di sostanze e preparazioni vegetali a base di cannabis, prevedendo anche la possibilità di avviare una serie di azioni sperimentali, sul territorio regionale, con soggetti autorizzati alla produzione di medicinali cannabinoidi.

E’ stato anche reso noto il percorso previsto nonchè i ruoli dei medici specialisti e dei medici di medicina generale. Si avvia il trattamento in regime ambulatoriale o in regime di ricovero, ma anche in ambito domiciliare presso i Centri del Ssr individuati dalla Regione. Gli oneri, nel caso di prosecuzione del trattamento in ambito domiciliare, sono a carico del Ssr, sulla base della prescrizione del medico specialista. Sulla base del piano terapeutico redatto dal medico specialista, il medico di medicina generale ha la possibilità di prescrivere i farmaci con oneri a carco del Sistema Sanitario Regionale. Solo nelle farmacie individuate dalla Regione o nei presidi ospedalieri o ancora nelle sedi delle Aziende per l’assistenza sanitaria o presso farmacie convenzionate che operano in Friuli Venezia Giulia il paziente ha la possibilità di rifornirsi. Infine vengono promosse periodicamente da parte della Regione, una serie di iniziative rivolte a medici e farmacisti che lavorano in Friuli Venezia Giulia aventi finalità informativa, allo scopo di favorire la conoscenza di ambiti ed effetti della cura con farmaci cannabinoidi.

Daniele Orlandi