Romano Prodi: “Nuovo referendum idea patetica. Ue reagisca a Brexit o sarà un disastro”

Dura presa di posizione dell’ex premier Romano Prodi in merito all’idea di una raccolta firme per chiedere un’altra consultazione popolare sulla Brexit: “E’ un’idea patetica che non ha alcun senso”, ha infatti dichiarato durante un’intervista rilasciata a Rainews24.

Romano-ProdiA suo avviso, infatti, il nodo della questione rimane prettamente politico, e di importanza fondamentale. I leader europei “devono sbrigarsi e decidere”, altrimenti sarà un disastro. Anche l’incontro di oggi tra Germania, Italia e Francia è un passaggio delicatissimo: “Italia e Francia devono dire che non si può far finta di nulla- ha aggiunto Prodi- facciamo un passo in avanti.”

“Per anni gli inglesi hanno sempre rallentato ogni cammino dell’Europa, gli stessi primi ministri che hanno fatto campagna per il Remain mi hanno fatto morire durante il mio incarico. Se cominciano due anni di trattative, per cui siamo paralizzati, allora l’Ue è finita. Il cambiamento deve cominciare oggi pomeriggio, quando Merkel, Hollande e Renzi si incontrano. I britannici – ha tuonato l’ex premier – non possono fare un referendum colossale che ha scosso il mondo e poi fare finta di nulla.”

E criticando la Merkel, che aveva proposto affermato di voler  prima vedere gli effetti della Brexit per trarre delle conclusioni in merito a questo punto di svolta dell’Europa, Prodi ha rincarato la dose con questa analisi: “Il messaggio che hanno avuto i cittadini è che l’Ue non sa decidere. Se continuiamo così è il disastro, serve qualche idea che sia un passo in avanti da presentare subito, fin da domani. Senza questo- conclude- sarebbe la rovina dell’Europa.”

Giuseppe Caretta