Cosa Nostra, continua la caccia a Matteo Messina Denaro, ricercato n. 1 in Europa

Lo chiamano l’Inafferrabile, ed un motivo ci sarà. Matteo Messina Denaro, ultimo dei corleonesi a rimanere in libertà dopo che tutti i pezzi grossi di Cosa Nostra sono stati catturati (Riina, Provenzano, da ultimo anche il feroce Falazzari), è ancora latitante.
E’ il ricercato n. 1 in tutto il continente. Ma la strategia di fuga si è fatta perfetta, si potrebbe dire: probabilmente i mafiosi hanno capito che anche dopo anni le forze dell’ordine e della giustizia non vogliono mollare l’osso.

denaroE quindi danno un taglio al territorio dove vivevano e dove hanno commesso crimini, danno un taglio alle relazioni con parenti ed amici, per rendere impossibile il proprio ritrovamento. Ecco perché Denaro è introvabile: non c’è nessuna pista che possa portare fino a lui. Attorno a sé, Denaro ha fatto letteralmente terra bruciata. E comunque l’omertà non aiuta.

Omertà, anzi vera e propria sudditanza, che non lascia esenti anche esponenti della politica locale, come accaduto nel caso del consigliere del Comune Calogero Giambalvo.
In compenso, le forze dell’ordine hanno arrestato la sorella il cognato, ed un’altra persona vicina a Messina, ed hanno sequestrato beni per miliardi di euro. Intanto la polizia diffonde identikit, basandosi su soffiate ed indicazioni. Chissà se basterà per acciuffare l’inafferrabile Matteo Messina Denaro.

Mariagrazia Roversi