Messico, terremoto di magnitudo 6 colpisce il sud del Paese

terremotoUna forte scossa di terremoto, con epicentro vicino Pinotepa Nacional nello stato di Oaxaca, è stata registrata lunedì 27 giugno (alle 23 ora italiana) in Messico. Al momento non è chiaro se la forte scossa sismica abbia provocato crolli e vittime.

Il terremoto è stato nettamente avvertito anche a Città del Messico, dove moltissime persone sono scese in strada terrorizzate. Le istituzioni locali hanno decretato l’evacuazione per diversi uffici del posto.

E’ stato il Ministro dell’Interno, Miguel Angel Osorio, a confermare che per il momento non sembrano esserci vittime, ma sono tuttora in corso sopralluoghi e verifiche nelle aree prossime all’epicentro, una decina di chilometri a sud di Pinotepa Nacional.

Il governatore dello Stato di Oaxaca (dove si trova Pinotepa Nacional, ndr) ha commentato l’evento su Twitter, precisando che non risultano danni agli impianti petroliferi della zona. Tuttavia, è comunque scattato il protocollo di sicurezza per monitorare ogni possibile compromissione dopo la forte scossa.

Lo scorso 7 giugno in Messico sono state registrate diverse scosse di terremoto della stessa magnitudo, con epicentro al largo della costa occidentale del Paese. Il primo terremoto era avvenuto alle 5:51 (le 12:51 in Italia) con epicentro a circa 90 chilometri a sudovest di San Patricio, sulla baia di Navidad, nello stato di Jalisco. Il secondo era stato registrato sei minuti dopo, con magnitudo 5.5 e il terzo alle 6:07 (le 13:07 in Italia) con magnitudo 5, ambedue con epicentro nella stessa zona della prima scossa, secondo informazioni diffuse dalla Protezione Civile di Jalisco.