Modena sotto shock: uccide ex convivente e nasconde il corpo nel frigorifero

Si chiamava Betta Fella, la donna di 55 anni il cui cadavere è stato ritrovato ieri nascosto all’interno di un frigorifero, in una cantina di una palazzina a Modena. I vicini di casa, infatti, hanno chiamato i vigili del fuoco insospettiti download (43)dall’odore pungente che arrivava dal sottoscala e, quando i soccorritori si sono presentati sul posto, non hanno dovuto far altro che seguire la traccia di quell’odore acre per arrivare al macabro ritrovamento. Il corpo di una donna che abitava nel condominio si trovava nel frigo, aperto e rovesciato.

Nessuna esitazione, per gli uomini della squadra mobile, che hanno raggiunto immediatamente l’ex convivente della donna e l’hanno condotto in questura per accertamenti. E’ stato lo stesso sospettato, Armando Canò, di 50 anni, a confessare durante l’interrogatorio sostenuto dal pm Katia Marino. L’omicidio sarebbe avvenuto per strangolamento al termine dell’ennesima lite scoppiata tra i due. Al momento del fermo, inoltre, Canò aveva con se le chiavi della casa della ex e quelle della cantina nella quale è stato poi ritrovato il corpo.

L’uomo era già stato denunciato per maltrattamenti dalla ex compagna, e questo riaccende immediatamente la polemica sui femminicidi dopo che, appena a qualche chilometro di distanza, nella vicina Bologna, un uomo è stato condannato a trent’anni per aver ucciso la compagna ed averne nascosto il corpo nel freezer. Adesso Armando Canò si trova in carcere: per lui l’accusa è di omicidio ed occultamento di cadavere.