Charlie Hebdo, nuove minacce sulla pagina Facebook e in redazione

Il settimanale satirico francese Charlie Hebdo, andato alle cronache dopo l’attentato terroristico avvenuto il 7 gennaio del 2015 nella redazione e costato la vita a numerosi membri della stessa, torna nel mirino del terrorismo. Almeno questo lasciano presagire le minacce di nuovi attacchi alla redazione, lasciati online e anche fisicamente alla direzione del settimanale.

charlieIl giornale francese “Le Parisien” sostiene che la redazione, che dagli attacchi del 2015 è sempre sotto protezione, sarebbe intimorita circa la possibilità di nuovi attacchi, dopo che alcuni messaggi che “lasciano intendere” la possibilità di nuovi attentati sono stati pubblicati sulla pagina Facebook del giornale. Non solo: in redazione sarebbero giunti anche altri messaggi, nei giorni scorsi, si tratta sempre di minacce.

I messaggi scritti sulla pagina Facebook sarebbero stati poi cancellati: in essi si leggeva il riferimento all’“uccisione di diversi membri della redazione”, sostengono delle fonti vicine alla redazione parigina.
La fonte ha sostenuto che “questo tipo di cose non era più avvenuta da un po’ di tempo”. I giornalisti di Charlie Hebdo per ora non commentano nulla. La polizia ha riferito che rintraccerà gli autori delle minacce e che fino a quel momento non prenderà sottogamba i messaggi minatori inviati alla direzione del giornale.

Mariagrazia Roversi