Uccide compagna davanti alla figlia, arrestato infermiere 51enne

omicidioUn’autentica tragedia quella consumatasi ieri sera presso Dorno (Pavia), comune lombardo di circa cinquemila abitanti.

Roberto Garini, 51 anni, infermiere, ha avuto un brutto litigio con la sua compagna, Manuela Preceruti, 44enne. Il diverbio è avvenuto intorno alle 23. La coppia attraversava un momento difficile, tanto che Roberto e Manuela vivevano in due appartamenti contigui ma separati. I due si erano conosciuti due anni fa tramite i social network, ma ormai la loro relazione era giunta ai minimi termini, a causa di continui litigi.

E ieri sera nella palazzina a due piani in via Monsignor Passerini (zona centrale del paese) dove si trovano i due appartamenti si è consumato l’ultimo atto: Garini ha ucciso la sua compagna sparandole almeno sei colpi con una pistola calibro 9. Lo stesso infermiere 51enne avrebbe poi mandato un sms ad un amico raccontando ciò che aveva appena fatto.

Secondo la ricostruzione effettuata dai carabinieri, la Preceruti si sarebbe barricata in casa per sfuggire alle grinfie del compagno, ma Garini avrebbe sfondato la porta e inseguito la donna, per poi colpirla con sei pallottole sotto gli occhi inermi della figlia. La 12enne è corsa in strada gridando in cerca di aiuto, ferita leggermente, di striscio, in modo accidentale. Roberto Garini, invece, ha fatto ritorno nel suo appartamento e ha avvisato con un messaggio o una telefonata un conoscente, al quale ha riferito quel che era accaduto, pregandolo di chiamare le forze dell’ordine.

Al loro arrivo, i carabinieri di Garlasco e Vigevano hanno trovato la pistola appoggiata sul tavolo e l’uomo che passeggiava in casa, piangendo e fissando il vuoto. Roberto Garini si è consegnato senza opporre resistenza.