Cina, grande festa per i 95 anni del Partito Comunista

partito comunista cineseGrande festa in Cina per i 95 anni del Partito Comunista Cinese. Il primo luglio, infatti, è l’anniversario della nascita dell’istituzione che conta oltre 80 milioni di iscritti.

Una grande giornata di festeggiamenti a Pechino, che si è aperta con la banda militare che ha reso omaggio alla longeva istituzione sulle note dell’inno nazionale e prosegue con il discorso pronunciato dal presidente Xi Jinping presso la Grande Sala del Popolo (GHOP).

Una celebrazione in pompa magna per ricordare i 95 anni dal 1 luglio 1921, data di nascita del Partito Comunista Cinese: poche settimane dopo si tenne il I Congresso del Partito Comunista Cinese a Shanghai, con Chen Duxiu nominato segretario. Il programma politico del Partito era ‘rovesciare la borghesia e attuare la rivoluzione proletaria’.

La sua popolarità crebbe nei decenni successivi, quando sfidò il potere nazionalista del Guomindang. Le tensioni tra i due schieramenti si fecero sempre più forti, fino all’invasione giapponese della Cina (1937), che consolidò il ruolo del PCC e favorì l’ascesa di Mao Zedong.

Dopo la fine dell’occupazione giapponese si assistette alle ultime fasi di un processo di vera e propria lotta per il potere politico tra il PCC e il Guomindang di Chiang Kai-shek. Una guerra civile, che si concluse nel 1949 con la fuga del partito nazionalista sull’isola di Taiwan e la proclamazione da parte del partito comunista della nascita della Repubblica Popolare Cinese.