Gran Bretagna, colpo di scena: Farage si dimette da leader dell’UKIP

brexit ukip farageA lasciare è il vincitore. Nigel Farage si è dimesso da leader del partita indipendentista britannico, lo UKIP, nonostante lo stesso sia stato in prima fila per il “Brexit” e sia tra i vincitori del recente referendum inglese, che ha visto prevalere l’uscita dall’Europa su coloro che invece sostenevano il “Remain”.

“Ho ormai ottenuto il mio obiettivo. Non ho mai desiderato essere un politico di professione“, ha detto Farage, che ha ribadito la necessità per il Regno Unito di avere subito un nuovo Primo Ministro, “per il bene del Paese”.

“Continuerò a sostenere i movimenti per l’indipendenza in tutta Europa”, ha ribadito il leader dell’UKIP, partito che al Parlamento Europeo siede insieme agli eletti del Movimento 5 Stelle. Tuttavia, Farage ha anche aggiunto che la sua carriera politica “ha avuto un costo su di me e chi mi sta intorno: rivoglio indietro la mia vita, a partire da adesso“.

Proprio al Parlamento Europeo, Farage si era reso protagonista di un siparietto qualche giorno fa con il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker: “E’ l’ultima volta che applaudi qui – gli aveva detto Juncker – ed in un certo senso sono sorpreso che tu sia qui oggi. Hai sostenuto il Brexit, il popolo inglese ha votato per l’uscita dall’Europa: perchè sei qui?“. Farage è stato inoltre fischiato da gran parte del Parlamento Europeo.