Milano, lite fra gang latinos sul tram: 18enne accoltellato, è gravissimo

Orrore a Milano, dove una band di venti persone, tutte giovani sudamericani, è salita sul tram prendendo a calci e pugni un gruppo di giovani. L’aggressione è avvenuta ieri a milano, verso le 22:30, nel tram che corre vicino all’Università Bocconi. La telecamera di sorveglianza li riprende mentre girano le telecamere, le oscurano, quindi si avventano su alcuni ragazzi. Un 18enne albanese resta a terra, colpito da quattro coltellate al petto, all’altezza del cuore.

Viene immediatamente soccorso dall’ambulanza, che tenta la rianimazione, e viene trasferito d’urgenza alla clinica milanoHumanitas, a Rozzano, dove viene operato nella notte. Un altro giovane di 20 anni è stato ferito ma non è in pericolo di vita.
La rissa senza senso colpisce alcuni ragazzi e poi si disperde. A colpire sono le giovani gang latinos, ragazzi neanche ventenni e con la violenza addosso. Molto spesso organizzano feste per sudamericani nelle discoteche locali, bevono, e partono all’assalto. Probabilmente il raid di ieri sera, che ha lasciato in fin di vita un 18enne, è un regolamento di conti, ma ancora non si sa nulla di preciso sul movente del feroce attacco.

I “panderillas”, le gang latinos che insanguinano la cronaca di Milano, sono note per la loro violenza. Già nei mesi scorsi c’erano stati episodi simili.
I testimoni della metro, in primis il conducente, sono sconvolti. Quando la metro si è fermata, i sudamericani sono scesi e si sono sparpagliati. I presenti hanno tirato giù dalla metro il giovane accoltellato. “È stramazzato a terra con gli occhi sbarrati, non si muoveva” ha detto un testimone alla polizia. Le sue condizioni sono molto gravi.

Mariagrazia Roversi