Svizzera, tenta di superare il confine rinchiuso in un Trolley

svizzera trolleyHa tentato di passare il confine rinchiuso dentro un trolley da viaggio. Sono state le guardie di confine elvetiche, presso il valico ferroviario di Chiasso, a scoprire la presenza di un immigrato eritreo nascosto all’interno di un normale bagaglio di viaggio.

Il giovane eritreo, 21 anni, era partito dalla Stazione Centrale di Milano insieme ad un connazionale. Proprio quest’ultimo ha destato inizialmente sospetti, dato che non aveva i documenti in regola. La polizia ha poi provveduto ad ispezionare il trolley, insolitamente pesante e ‘gonfio’, e ha scoperto l’immigrato eritreo nascosto dentro il bagaglio, che era anche a forte rischio soffocamento.

I due tentavano in questo modo di raggiungere la Svizzera passando indenni il confine. Una notizia confermata da fonti della polizia svizzera: nelle ultime settimane, stando a quanto riportato dalle forze dell’ordine, ci sarebbe un vero e proprio boom di tentativi di passaggio del confine dall’Italia da parte di migranti arrivati nel nostro Paese tramite i barconi del Mediterraneo.

E per farlo si prova ogni mezzo, anche il nascondiglio dentro un trolley. Che talvolta può sfociare in tragedia, come accaduto ad agosto 2015 ad un 27enne marocchino: il giovane si era nascosto in una valigia posta nel bagagliaio di una macchina, nel tentativo di entrare illegalmente in Spagna. Ma nella penisola iberica il 27enne non è mai arrivato: l’uomo è morto asfissiato nell’auto del fratello imbarcata sul traghetto diretto a Almeria. Il fratello è stato poi arrestato e accusato di omicidio colposo.