Atlanta, spari contro la polizia: fermato un sospettato

atlanta polizia Un altro caso di violenza contro le forze dell’ordine scuote l’America e l’opinione pubblica. Dopo il massacro di Dallas, dove 5 poliziotti sono stati uccisi e altri 9 sono rimasti feriti nel corso delle proteste per due afroamericani assassinati dagli uomini in divisa, a Roswell (90.000 abitanti, 20 miglia a nord di Atlanta) un uomo ha aperto il fuoco contro la polizia dall’interno di un’autovettura.

Il fatto è accaduto stanotte, intorno all’una, poche ore dopo l’attacco di Dallas, come riportato dalla polizia di Roswell. Nessuno è rimasto ferito dai proiettili sparati dall’uomo. L’auto della polizia ha poi inseguito la Ford Explorer blu, che ha anche attraversato un centro commerciale per poi centrare un cordolo, che ha comportato la foratura delle gomme e la fine della corsa. Non sono chiari i motivi del gesto, che solo per caso non è sfociato in tragedia, e la polizia non si sbilancia su presunti collegamenti con quanto avvenuto in Texas.

Intanto è stato fermato un sospettato, che è sottoposto ad interrogatorio dalla polizia di Roswell. “So che i detective stanno parlando con lui, ma non so quanto sia disposto a parlare”, ha detto il detective della polizia di Roswell, Zachary Frommer. Inizialmente si pensava anche ad un secondo possibile sospettato, un’ipotesi successivamente archiviata dalle forze dell’ordine.