Dawn Eden racconta la sua storia di depressione, pentimento e conversione nel libro “Il brivido della castità”

pic_giant_021415_SM_Dawn-EdenIn molti pensano che nella società in cui viviamo fatta di trasgressione, libertà assoluta ed eccessi, la vera diversità si trovi nella normalità (concetto assolutamente variabile da persona a persona ma che può trovare dei precetti comuni). Di questo parla il libro autobiografico di una giovane giornalista americana, Dawn Eden, intitolato “The Thrill of the Chaste” (Il brivido della castità), al suo interno si legge della sua vita, della sua crescita fisica, morale e spirituale, caratterizzata da un percorso impervio, ricco di tentazioni e sofferenza, che l’ha condotta alla decisione finale di optare per la conversione al Cattolicesimo in cerca di salvezza.

Come spiega la stessa autrice del libro in un intervista al ‘Today Show‘, la conversione le ha salvato la vita, una vita traviata dalle molestie subite da parte del padre, un atto vile e ripugnante che le aveva creato uno stato di profonda crisi interiore ed un vuoto esistenziale che cercava di colmare attraverso incontri sessuali occasionali basati sulla pura attrazione fisica. In questo periodo di profonda crisi interiore della sua vita, Eden, aveva abbandonato la religione (la scrittrice è di famiglia ed educazione ebraica) e con il tempo anche l’idea dell’esistenza di un Dio interventista e benevolo.

La sua vita, quindi, era improntata sul più gretto e vuoto consumismo, una prassi che si ripeteva come un mantra ogni giorno della sua vita ma che l’aveva condotta ad una forte depressione ed a crisi di ansia sempre più frequenti. Dopo diversi tentativi di risollevarsi tramite cure psichiatriche e medicinali, l’ultimo tentativo è stato un riavvicinamento a Dio ed alla religione. Avendo perso la fiducia per la religione dei genitori, la giornalista ha cercato Dio tramite altre fedi trovandolo alla fine nella Chiesa Cattolica ed in Cristo.

La ritrovata serenità le ha permesso di scrivere la propria esperienza in un libro autobiografico che mostra al mondo intero come si possa trovare il vero amore terreno, un amore che la stessa autrice confessa: “Non pensavo esistesse su questa terra. Appena mi battezzai quindi pubblicai un libro sulla castità”. Un concetto, quello della castità, che spesso al giorno d’oggi viene frainteso (sopratutto dalle nuove generazioni), ma che ha delle basi valide, per questo Dawn Eden ha deciso di spiegare nel suo libro questo comune fraintendimento: “Per il mondo a cui appartenevo la castità è una privazione dall’amore, volevo mostrare il fraintendimento: la castità è un sì detto all’amore di Dio che ti rende capace di amare in un modo più profondo tutti gli uomini, rendendoti più sposa, più madre, più sorella, più amica”. Questi concetti non sono più di moda, ma visto che il libro della Eden sta vendendo tantissimo al punto da diventare un fenomeno culturale, evidentemente sempre più persone cominciano a rivedercisi.