Australia, i conservatori vincono le elezioni. Ma la maggioranza non c’è

elezioni australiaI conservatori vincono le elezioni australiane e restano alla guida del Paese per i prossimi tre anni. Ad annunciarlo è il premier, Malcolm Turnbull, che ha confermato la vittoria della sua coalizione alle elezioni anticipate dello scorso 2 luglio. Battuta l’opposizione, guidata da Bill Shorten, che ha riconosciuto la sconfitta e avrebbe già chiamato Turnbull per congratularsi. “Abbiamo risolto questa elezione”, ha detto il premier ai giornalisti.

Secondo mandato per i conservatori, quindi, che tuttavia non avranno affatto vita facile. Per avere la maggioranza assoluta bisogna infatti ottenere almeno 76 dei 105 seggi disponibili alla Camera dei Deputati. E allo stato attuale i conservatori non raggiungono questo ‘quorum’. Due le possibilità: un governo di maggioranza esteso anche ad altre forze politiche, oppure un governo conservatore senza però la maggioranza parlamentare, con Turnbull costretto a trovare man mano intese con i partiti minori.

Un’elezione anticipata in Australia non accadeva dal 1987. E’ un’ipotesi percorribile se una legge di iniziativa di governo viene bloccata: ed è proprio ciò che è accaduto lo scorso marzo, quando il leader conservatore aveva minacciato un voto anticipato a meno di un via libera alla riforma delle authority bloccata in Parlamento. Poiché il testo è stato definitivamente bocciato, Turnbull ha chiesto lo scioglimento di entrambe le camere e indetto elezioni anticipate.