Strage di Nizza, Hollande: “La Francia è sotto attacco”, tesi terrorismo islamico

Francois Hollande ne aveva parlato proprio qualche giorno fa: “Dobbiamo tornare alla normalità” aveva detto il presidente francese ai concittadini, ricordando le stragi perpetrate nel suo paese. Un appello che cade nel vuoto dopo i terribili attentati di Nizza di ieri sera, che hanno causato almeno 84 morti e 100 feriti, fra cui molti bambini.
Lo stato di emergenza è prolungato di altri tre mesi, faccio appello ai riservisti di presentarsi per aiutare la gendarmeria e i corpi di polizia”.

nizza“Quest’attentato che ha colpito Nizza è ancora una volta un’azione riconducibile al terrorismo islamista, ma la Francia non si piegherà” ha sostenuto Hollande.
La tesi seguita, per ora, è appunto quella del terrorismo islamico, un fantasma che non abbandona l’Occidente. “Un attacco di cui non si può negare il carattere terroristico” ha sostenuto Hollande in riferimento alla strage. “Esprimo a nome della nazione intera la solidarietà ai familiari di tutte le vittime“.

C’è molta confusione nella vicenda: alcuni testimoni ritengono di aver visto altri uomini sul camion, almeno tre, uscire dal camion bianco e fuggire. Le ricerche di eventuali complici sono in corso: il conducente franco-tunisino, di 31 anni, è stato ucciso dalla polizia. Due sono i numeri di telefono attivi: 0033 4 93722222 per le autorità locali, e quello del Consolato Italiano a Nizza, 0033 (0) 768054804.