Baton Rouge, spari contro la polizia: tre agenti morti

baton rouge Ancora pallottole contro la polizia americana. Dopo la strage di Dallas, dove furono 5 poliziotti a perdere la vita per mano di Micah Johnson, altri tre militari sono rimasti uccisi in un’imboscata a Baton Rouge, in Louisiana, teatro dell’uccisione dell’ambulante afroamericano Alton Sterling, assassinato dalle forze dell’ordine il 5 luglio scorso.

Aumenta a dismisura, quindi, il clima di tensione negli Stati Uniti tra la comunità afroamericana e la polizia statunitense.

Il sindaco della città, che riferisce di essere stato contattato anche dalla Casa Bianca, conferma l’accaduto. Pare che a sparare verso i poliziotti sia stato un uomo vestito di nero con il volto coperto e un fucile d’assalto.

Circa sette gli agenti colpiti, tre dei quali hanno perso la vita. L’uomo è stato neutralizzato ed è rimasto ferito, come riportato da un portavoce della polizia della Louisiana.

La sparatoria è avvenuta nelle prime ore di domenica, intorno alle 9 del mattino, a meno di un miglio di distanza dalla sede del Dipartimento di polizia della città.

La mente torna subito al 13 luglio, quando furono arrestati tre afroamericani che stavano preparando un assalto alle forze di polizia. I tre avevano rapinato un negozio d’armi dove avevano prelevato otto fucili automatici: una quarta persona era sfuggita alla cattura e solo sei degli otto fucili erano stati recuperati.