Caos in Armenia, gruppo armato per le strade a Yerevan: almeno un morto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:16

E’ caos in Armenia nella capitale del Paese, Yerevan, dove sembra che un gruppo di uomini armati stia provando a prendere controllo di diversi edifici governativi. Secondo le prime informazioni, il gruppo armato che sta provocando caos nella capitale armena sarebbe formato da sostenitori del partito Movimento Nuova Armenia, il cui leader, Jirayr Sefilyan, è stato arrestato dietro accusa di detenzione di armi per creare un’organizzazione militare.

armeniaSefilyan è detenuto dal 20 giugno; prima di essere fermato dalla polizia l’uomo aveva sostenuto di voler creare un movimento d’opposizione al governo, chiamato Comitato di Resistenza Nazionale.
Sefilyan aveva sostenuto: “Abbiamo un governo traditore e dobbiamo creare un’alternativa che assuma la funzione di governare il paese, con l’aiuto del popolo e dell’esercito il più presto possibile”.

Il gruppo armato avrebbe preso il ostaggio il capo della polizia, Valery Osipyan, nella stessa stazione di polizia. Le informazioni parlano di almeno un morto, non si sa chi sia, e di diversi feriti. I social network del Paese sono stati temporaneamente bloccati, come hanno sostenuto alcuni giornalisti del luogo, per evitare che si diffondano fra la popolazione delle notizie false. La zona del commissariato è stata isolata e le strade della capitale sono state bloccate.

Mariagrazia Roversi