Riccione, due marocchini clandestini violentano una senza tetto

Una donna di 46 anni senza fissa dimora ha vissuto un autentico incubo sul lungomare di Riccione. L’altra sera due marocchini, entrati in Italia clandestinamente, l’hanno violentata dopo averle fratturato la mandibola. La donna viveva in una ex colonia, e proprio lì, nella notte fra giovedì e venerdì, ha incontrato i due uomini. I due marocchini l’hanno violentata e prima di fuggire le hanno tolto il telefono cellulare e l’hanno rinchiusa in una stanza.

riminiLa donna è rimasta in quel luogo fino al pomeriggio di venerdì, per timore di incontrare nuovamente i due aguzzini; quindi è riuscita a forzare la porta ed a fuggire all’esterno. In strada ha chiesto aiuto a dei passanti i quali hanno allertato il 118. La visita ha confermato la violenza: qualche ora più tardi, i carabinieri hanno rintracciato due ragazzi, di 19 e 21 anni, stranieri.

I due sono sottoposti a fermo in attesa della convalida, che non tutta probabilità avverrà lunedì.
I due marocchini sono stati trovati nella stessa colonia dove avevano violentato due giorni prima la donna. Per identificare i due, i carabinieri si sono recati nella colonia dove la donna si era rifugiata ed hanno identificato decine di persone, alla ricerca dei due aguzzini che hanno trasformato la notte di quella donna in un vero e proprio incubo.