Nizza, salgono a 5 le vittime italiane: i corpi riconosciuti nella notte

Sale a cinque il numero delle vittime italiane ritrovate fra i corpi della strage di Nizza. Nella notte sono arrivate altre quattro tristi conferme. La prima vittima italiana della strage ad essere identificata è stata Mario Casati, 90 anni: pensionato e vedovo, si trovava sulla Promenade assieme a Maria Grazia Ascoli, 77 anni e milanese, anche lei vedova. Entrambi sono stati riconosciuti morti, falciati da quella terribile notte.

vittimeAnche per Angelo D’Agostino e Gianna Muset, rispettivamente 71 e 68 anni, si sono infrante le speranze. La coppia si trovava a Nizza per festeggiare il pensionamento di lui, che da qualche settimana aveva smesso di lavorare per la sua azienda. Ma purtroppo nella notte sono stati riconosciuti i loro corpi. Confermata anche la morte della 48enne casalinga Carla Gaveglio, che si trovava sulla Promenade con la figlia Matilde di 14 anni. La ragazzina sta bene, è stata trovata subito dopo la strage ed ha subito un trauma alla caviglia.

Il padre, disperato, ha cercato per giorni la moglie che era stata vista da Matilde mentre veniva caricata su un’ambulanza. Nella notte il riconoscimento tramite DNA. E’ morto anche uno studente ventenne italo-americano, Nicolas Leslie, studente all’università di Berkeley. “E’ una notizia tragica e devastante” ha commentato il rettore dell’università.