21 Luglio 2016: si venera San Lorenzo da Brindisi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:57

Il 21 Luglio la Chiesa Cattolica celebra la memoria liturgica di San Lorenzo da Brindisi.

Nato a Brindisi il 22 Luglio 1559 e battezzato con il nome di Giulio Cesare Russo o “de Rossi”, dopo aver perso entrambi i genitori a 14 anni si trasferì a Venezia, città natale del padre, presso uno zio sacerdote che gli consentì di proseguire gli studi e il percorso verso la vita religiosa.

Entrato nell’Ordine Minore dei Frati Cappuccini con il nome di Lorenzo nel 1582 divenne sacerdote.

Nel 1589 divenne vicario generale di Toscana; nel 1594 provinciale di Venezia; nel 1596 secondo Definitore Generale; nel 1598 vicario provinciale di Svizzera; nel 1599 ancora Definitore Generale.

Nel 1599 su richiesta del pontefice partì come missionario alla volta della Germania, per offrire assistenza spirituale alle truppe tedesche che combattevano contro i turchi e fu destinato all’accampamento di Albareale, l’attuale Székeshefer vár in Ungheria.

Rientrato in Italia nel 1602 venne eletto vicario generale dell’Ordine dei Cappuccini e a Brindisi decise di far costruire, finanziato dal duca di Baviera e dalla principessa di Caserta, la chiesa di Santa Maria degli Angeli.

Nel 1618 i patrizi partenopei lo invitarono a recarsi in Spagna per informare il re Filippo III del comportamento disonesto del viceré Pietro Giron duca di Ossuna.

Dopo aver evitato una serie di agguati riuscì a raggiungere il re a Lisbona dove, il 22 Luglio 1629, morì forse per un avvelenamento.

Fu canonizzato nel 1881 da Papa Leone XIII e da Giovanni XXIII proclamato Dottore della Chiesa con la qualifica di doctor apostolicus, per le sue straordinarie qualità di oratore e la sua vasta conoscenza della Bibbia, in ben tre lingue.

Michela De Minico