UCOII choc, esponenti comunità islamiche esaltano Erdogan: “Turchia grande nazione musulmana”

Mentre in Europa le nazioni reagiscono rispetto alla reazione spropositata di Erdogan nei confronti dei presunti golpisti, in Italia c’è chi esalta le gesta del presidente turco.
Si tratta di Hamza Roberto Piccardo, il fondatore dell’Unione Comunità Islamiche in Italia, il quale ha detto della situazione turca: “Dopo tante primavere bidone, ora una vera rivoluzione. Non m’interessa neppure chi l’abbia innescata, quel che conta è che a quasi 100 anni da Ataturk la Turchia torna ad essere una grande nazione musulmana di fatto e di diritto. Allah protegga nostro fratello Recep Tayyip Erdoğan, e tutto il popolo turco”.

islamicheSecondo il religioso le foto dei soldati denudati e ammassati sarebbero un’invenzione, una manipolazione. Qualcuno allora ha chiesto a Piccardo cosa ne pensasse del pugno di ferro usato da Erdogan contro gli avversari: la risposta è stata “Un Paese come la Turchia non si governa con la mitezza, ahinoi, e già Macchiavelli ci parlava di “quanto gronda di sangue lo scettro ai regnatori”.
Il figlio di Piccardo, Davide Piccardo, è presidente delle Comunità Islamiche di Milano. Proprio dall’associazione è uscita Sumaya Abdel, neo consiglierare del Partito Democratico.

In attesa però di una presa di posizione dell’UCOII a riguardo della situazione, non può che preoccupare tanta leggerezza nei confronti di una reazione, quella di Erdogan, tesa evidentemente ad islamizzare ancora di più la Turchia.
A denunciare il fatto anche un parlamentare Pd di religione ebraica, Emanuele Fiano, il quale commenta: “Per me questo spregio della libertà di pensiero e di vita per migliaia di Turchi è inaccettabile e lo condanno senza sconti, non approvo un golpe, ma chi approva quello che succede in Turchia sta dalla parte della violenza e della dittatura“.