Cagliari, militanti dei centri sociali aggrediscono coordinatore di “Noi con Salvini”

Ancora un episodio di intolleranza da parte dei centri sociali, questa volta a Cagliari, dove Daniele Caruso, il coordinatore della regione Sardegna per il movimento “Noi con Salvini” è stato aggredito dai militanti dei centri sociali per il fatto di essersi presentato in piazza, dove si svolgeva la “manifestazione antirazzista”.
Caruso aveva da poco rilasciato un’intervista in centro a Cagliari, in Piazza Matteotti, che da due settimane è occupata da extracomunitari che vi bivaccano.

cagliariCaruso ha subito un’aggressione da parte dei militanti di centri sociali che alle 11:30 stavano svolgendo una manifestazione “antirazzista” alla quale avrebbe dovuto seguire un “pranzo solidale e meticcio” con gli extracomunitari.
Caruso è stato aggredito non appena si è presentato in piazza. Non solo, il leghista ha anche denunciato come la manifestazione del movimento leghista per denunciare le condizioni di degrado della piazza, prevista appunto in Piazza Matteotti dove è avvenuta l’aggressione, sia stata spostata all’ultimo momento in Piazza del Carmine per far spazio alla manifestazione organizzata dai centri sociali.

“Per le assurde imposizione delle autorità, in quanto la Questura ci ha imposto di manifestare in piazza del Carmine” ha sostenuto Daniele Caruso. Mentre la manifestazione del centro sociale della città, lamenta Caruso, è “illegale” dato che il centro sociale “non ha presentato alla Questura il preavviso richiesto dalla legge”.

Roversi Mariagrazia