Palagonia, ucciso a colpi di pistola 44enne incensurato, è stato un agguato

Una nuova morte violenta in Sicilia, questa volta a Palagonia. L’uomo ucciso è un 44enne incensurato del luogo, Francesco Barbanti, ex titolare di attività di demolizione auto e soccorso stradale. L’uomo sarebbe rimasto vittima di un vero e proprio agguato sulla strada Militello-Patagonia, nella località chiamata Francello. Secondo una prima ricostruzione da parte degli inquirenti, Barbanti avrebbe conosciuto i propri assassini, ma senza pensare di essere oggetto della loro mattanza.

incensuratoL’uomo è stato ucciso da sei colpi di pistola, sparati da distanza molto breve, e che hanno colpito numerosi punti vitale. L’uomo sarebbe stato ucciso appena sceso dalla sua auto, una Ford Fiesta: non ha avuto il tempo neppure di accennare una fuga. Sul luogo del barbaro delitto nessuna arma è stata ritrovata, solamente ingenti tracce di sangue.

Gli inquirenti credono che Barbanti fosse nel luogo per un appuntamento e per chiarirsi con delle persone, per diramare una controversia. La posizione della macchina però si trova nell’opposto senso di marcia, e quindi ha destato qualche perplessità negli inquirenti. Gli assassini potrebbero essere almeno due. Per ora si segue la pista del regolamento di conti in ambito economico-commerciale, scartando invece quella dell’omicidio passionale. L’autorità giudiziaria ha disposto l’autopsia del cadavere per chiarire le modalità del decesso.

Mariagrazia Roversi