Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Milano, 4 anni dopo l’omicidio, arrestato il killer del fratello di un pentito della ‘ndrangheta

CONDIVIDI

Giuseppe Nista era un pregiudicato, legato alla ‘ndrangheta, e fratello di un collaboratore di giustizia. Venne ucciso il 10 maggio 2012 a Vimodrone, provincia di Milano. Quella mattina l’uomo guidava la sua Bmw Station Wagon bianca lungo Via dei Mille. Non si era accorto che due uomini con scooter e con casco integrale lo stavano seguendo da qualche tempo. Non appena l’auto si ferma i due in scooter lo affiancano e gli sparano, sotto gli occhi di tutti i milanesi che a quell’ora stanno andando al lavoro.

milanoIl conducente è ferito ma non a morte: cerca di fuggire, ma il killer è più veloce e lo centra. Giuseppe Nista morirà tre ore dopo al Policlinico di Milano. La pista è subito chiara: ‘ndrangheta, forse una vendetta per il fratello, ex mafioso e pentito. E la mafia non vuole che le sue infiltrazioni nel capoluogo lombardo vengano alla luce. Quattro anni dopo l’esecuzione a Milano, i carabinieri cominciano a puntare un dipendente di una carrozzeria nel meneghino, Emilio Colantuomi: prelevano il dna dalla tazzina del caffè che beve in un bar, e lo incastrano.

Non solo: la sua cella telefonica è agganciata al luogo e all’ora della morte di Nista. Poi l’intercettazione telefonica fra Colantuoni e la moglie dove l’uomo parla del delitto e dà la conferma: lui è l’esecutore materiale. Viene anche ritrovato nella sua casa uno scooter rubato come quello dell’agguato. L’uomo è in carcere, adesso manca complice e movente.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram