Bimba dimenticata in macchina, la madre indagata per omicidio colposo

L’accusa rivolta alla madre della piccola Gaia, di soli 18 mesi, dimenticata in macchina sotto il sole e morta il giorno dopo al Meyer, è quella di omicidio colposo. La tragedia potrebbe essere stata provocata da un mix di mancanza di sonno e dal cambio dello schema mattutino. La donna, che lavora in una pescheria col marito, prima di recarsi al lavoro avrebbe dovuto accompagnare la figlia maggiore al campo estivo e quella piccola al nido.

colposoLa figlia più grande aveva chiesto di essere accompagnata prima al campo estivo, e questo avrebbe fatto scattare un blackout nella mente della donna, convinta di aver portato anche la più piccola a destinazione. Invece no, Gaia dormiva sul sedile dietro. La donna si è accorta del fatale errore solamente tornando indietro quattro ore più tardi: l’ha vista priva di sensi sul seggiolino.

Un’ora dopo i soccorsi, il trasporto in ospedale, ma la bambina è ricoverata in condizioni disperate ed i medici non hanno speranza. La sera seguente la bimba muore. I genitori hanno dato l’assenso per la donazione degli organi. Adesso per la donna l’accusa è quella di omicidio colposo, ma la verità è che questa volta sono tutti vittime, i protagonisti di questo dramma.

Mariagrazia Roversi