Luca Barbareschi, niente peli sulla lingua: la droga ed il sesso

barbareschi_luca_adn--400x300Luca Barbareschi si racconta in una intervista, mostrando di non avere alcun pelo sulla lingua. Gli argomenti che affronta sono principalmente il sesso e la droga.

Barbareschi afferma: “Grandi divertimenti ed eccessi. La droga l’avevo incontrata prima. A Milano girava di tutto. Lsd, mescalina, cocaina, fumo. E noi tutti, come idioti, a drogarci pensando di essere eversivi. L’eroina te la regalavano. Dei miei compagni di liceo in sei morirono di overdose. La borghesia milanese abdicò al proprio ruolo. I padri assenti e i danni del post ’68 fecero il resto. Non c’era più nessun filtro tra genitori e figli, le grandi famiglie ricchissime e borghesi di Milano aprivano le loro magioni al mare o in montagna e noi ci fiondavamo nei lettoni delle madri e delle figlie, in barca o in baita, per farci le canne insieme, fruire di qualche vacanza a costo zero, trombare le ragazze più fighe del Movimento che ovviamente per sentirsi evolute militavano a sinistra, osservare da vicino il rincoglionimento progressivo di un potere che un tempo aveva retto le sorti finanziarie dell’Italia”. Queste le confessioni intime di Luca, che ha voluto condividere con tutti i suoi sostenitori.

L’intervista si dilunga e Luca parla anche di lavoro, raccontando che il suo ultimo film è stato scartato: “Avrebbe dovuto essere a Venezia, ma venne rifiutato.”

Stefania Titone