Niente sepoltura per gli attentatori bavaresi

Muhammad RiadPiccoli segnali di civiltà e di chiusura verso gli integralismi: dopo la presenza di circa 15.000 musulmani in Italia a messa domenica scorsa (che hanno frattanto portato il Papa a doverosi distinguo sulla natura dell’islam), la presa di posizione viene stavolta dalla Germania.

Il Consiglio centrale dei musulmani di Germania ha infatti deciso di negare la sepoltura all’interno di un cimitero musulmano agli attentatori di Wurzburg (assalto ai passeggeri di un treno, con l’attentatore – armato di armi da taglio – ucciso dalle forze di polizia) ed Ansbach (attentato dinamitardo ad un ristorante, con l’attentatore come unica vittima) in Baviera: “Noi negheremmo certamente la sepoltura a attentatori suicidi”, sono le parole di Abu El Qomsan, esponente del consiglio centrale, riportate da leggo.it.

Continueranno gli osservatori occidentali a vedere queste scelte come soluzioni di facciata (per nascondere la natura endemicamente violenta dell’islam)?

(Nella foto, Muhammad Riad, 17enne attentatore di Wurzburg)