Conti rivoluziona il palinsesto di Radio 2: fuori Lillo e Greg e spostato Caterpillar

lillo-e-gregCarlo Conti, il volto principale della Rai e direttore artistico di Sanremo è diventato recentemente anche direttore artistico di Radio Rai, una carica importante che ha subito comportato delle scelte drastiche. L’obbiettivo di Conti è quello di riportare gli ascoltatori a seguire la radio nazionale, il metodo per farlo è cambiare la programmazione per avvicinarsi a quella delle maggiori radio private italiane (RTL, RDS e Radio DeeJay), ma in cosa consiste questo cambio di programmazione preventivato dal nuovo direttore artistico della radio nazionale? Semplice, meno programmi di attualità e cultura per fare spazio a programmi più leggeri (che parlino anche di frivolezze e della quotidianità delle persone comuni) e sopratutto alla musica.

Una ricetta semplice che punta a coinvolgere all’ascolto un target più ampio e più giovane (qualcosa di simile lo aveva fatto con la direzione di Sanremo, dove sempre più spazio è stato dato ai beniamini dei giovani usciti dai vari talent show). A fare le spese di questa nuova politica di palinsesto sono state alcune delle figure storiche di Radio 2, Conti, infatti, ha dato il ben servito a Lillo e Greg, conduttori del seguitissimo programma 601 (uno dei pochi programmi che si occupava di attualità in modo leggero) che chiude i battenti dopo 13 anni, e spostato Caterpillar ad ora di cena (altro programma storico della stazione). Solo il tempo ci dirà se le decisioni di Carlo Conti porteranno nuova linfa alla radio nazionale come hanno fatto con Sanremo.