Argentina, una scossa di magnitudo 6.1 fa tremare la regione di Jujuy

sismografo_xinLa terra trema nel nord dell’Argentina, ieri notte al largo della costa sudamericana, tra l’Argentina e la Bolivia, un fortissimo terremoto con epicentro a 48 km a nord ovest di Abra Pampa città facente parte della regione di Jujuy nel distretto di Chichinoa ha scosso tutta la zona. Il sisma con magnitudo 6.1 sulla scala Richter, nonostante la sua distanza dalla costa (48 km) e nonostante abbia avuto origine in profondità (253,98 km) è stato abbastanza forte da essere avvertito da tutta la popolazione della regione di Jujuy, allarmata dalla forte scossa. Per fortuna il sisma non ha procurato ingenti danni alle strutture e nessun morto.

Si tratta della terza scossa in breve periodo nella zona atlantica di fronte le coste del Centro America e Sud America (l’ultimo era stato avvertito nel deserto cileno), una situazione usuale in quella zona, considerata una di quelle a maggiore rischio sisma a causa dello sfregamento delle placche tettoniche (lo sfregamento della placca sudamericana con quella nordamericana ha causato diversi disastri sismici, sopratutto in California). L’attività sismica è costantemente controllata dal centro controllo sismi statunitense, l’U.S. Geological Survey, che dopo aver comunicato epicentro e intensità della scossa ha provveduto a rassicurare la popolazione avvertendo che si tratta di una normale attività sismica (una così detta scossa d’assestamento).