Traffico di migranti: quattro arresti tra Italia, Slovenia e Ungheria

rossloveniaQuattro arresti in Lombardia, Veneto, Slovenia e Ungheria: i carabinieri del Ros, in collaborazione con la polizia slovena e ungherese, hanno messo a segno un’importante operazione contro un’associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di migranti.

Per l’organizzazione, il business del traffico di migranti avrebbe fruttato all’incirca mezzo milione di euro l’anno.

Il tutto è partito da un’indagine del Ros che, nell’ambito del monitoraggio dei flussi migratori lungo la cosiddetta rotta balcanica, ha approfondito spunti investigativi acquisiti dalla questura di Gorizia, sviluppandoli in collaborazione con le Polizie slovene, tedesche e ungheresi, coordinate da Europol.

Nel mirino degli investigatori è finita un’associazione a delinquere transnazionale di matrice pakistana, che poggiava le sue basi nella zona milanese compresa tra Via Monza e Via Padova.

E’ proprio da lì che veniva organizzato e gestito il trasporto e l’ingresso clandestino di pakistani, bengalesi ed afgani provenienti dall’Ungheria e diretti in l’Italia e in altri Paesi nordeuropei, grazie alla costituzione di società di copertura fittizie, intestate a persone inesistenti.

Ad emettere l’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stato il Gip del Tribunale di Trieste, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo regionale.

Due dei destinatari del provvedimento sono stati raggiunti da mandato di arresto europeo a Budapest e a Maribor, in Slovenia.