Siria, una donna che fuma a volto scoperto diventa il simbolo della sconfitta dell’Isis

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:51

IMG_3895-0042-593x443Un duro colpo è stato inferto alle truppe di occupazione jihadiste dell’Isis: un commando formato da curdi, tra cui Ypg (una truppa formata da sole donne), e truppe democratiche siriane ha espugnato una delle roccaforti del gruppo terroristico in Siria, la città di Manbij.

All’arrivo delle truppe di liberazione, i pochi guerriglieri dell’Isis rimasti si sono dati alla fuga e la popolazione oppressa per mesi si è lasciata andare a manifestazioni di giubilo in pubblica piazza. Le donne hanno tolto i veli e bruciato i burqa, gli uomini hanno rasato le barbe e cominciato a bere, cantare e dare libero sfogo a tutte le voglie che i rigidi regolamenti dello Stato Islamico impediscono.

Le immagini della gioia e dei festeggiamenti girano in rete e danno l’idea della sofferenza patita da questa gente che trova nel semplice gesto del fumare una sigaretta un simbolo della libertà ritrovata. Proprio l’immagine di una giovane donna a volto scoperto e sorridente che fuma una sigaretta è stata scelta dal Ypg per festeggiare sul proprio sito la vittoria contro l’Isis, contro il sessismo e l’oppressione che rappresenta, una vittoria che sancisce la voglia delle donne di combattere per la propria libertà e per la parità dei diritti