Giornalista sky vola a Rio per seguire le olimpiadi e contrae la malaria

charlie-websterLa presentatrice tv Charlie Webster è stata inviata in Brasile da Sky News per seguire il percorso olimpico della nazionale britannica, ma, al suo arrivo a Rio de Janeiro (un giorno prima della cerimonia d’apertura), ha subito cominciato a sentire una forte nausea che non le consentiva di eseguire il suo lavoro. I colleghi dell’emittente satellitare americana l’hanno portata in ospedale per accertamenti, ed in un primo momento le è stata diagnosticata una forte disidratazione (la conduttrice si era sottoposta ad un giro in bici di 3000 miglia tra l’Inghilterra e la Francia per beneficenza subito prima della partenza per il Brasile).

La cura a base di sali minerali, però, non ha portato alcun effetto e quando i suoi reni hanno smesso di funzionare i medici hanno capito che si trattava di qualcosa di più serio (la 33enne inglese ha contratto la malaria). Il giorno dopo il ricovero, la Webster non riusciva a respirare senza l’ausilio dei macchinari ed i medici le hanno indotto un coma farmacologico per evitare ripercussioni più gravi. A distanza di due settimane la situazione clinica della giornalista britannica rimane stabile, ovvero Charlie è in lotta tra la vita e la morte. Gli amici ed i parenti sono volati in Brasile per starle vicino sperando ad un miracoloso recupero, in ogni caso i famigliari hanno presentato una denuncia contro il medico curante dato che, prima della partenza, le era stato detto che il vaccino contro la malaria non era necessario, ad affermarlo è un carissimo amico della giornalista: “Aveva controllato i rischi medici, ma le era stato detto che non era necessario un vaccino contro la malaria“.