Russia, attacco terroristico a Sholkovo: l’ISIS l’ha rivendicato con un video

Sono stati attimi di paura ieri in Russia, nella stazione di polizia stradale di Sholkovo, poco distante da Mosca. Due uomini, armati con delle accette e delle pistole, hanno fatto il loro ingresso nella stazione della polizia ed hanno aggredito due agenti. Uno degli agenti attaccati sarebbe stato ferito in maniera grave, l’altro in maniera più lieve.

russiaGli aggressori sono due ragazzi, di 18 e di 21 anni, di origine cecena; secondo il giornale Kommersant il primo si chiamava Sulim Israilov e il secondo Usman Murdalov. I due sono stati uccisi dagli agenti nel corso del conflitto a fuoco che è seguito all’attacco. Oggi, per mezzo prima di un comunicato e poi di un video, l’ISIS ha rivendicato per la prima volta l’attacco, sostenendo che i due ceceni fossero terroristi dello Stato Islamico. Nel video che è stato diffuso in rete, si vedono i due ragazzi che avanzano parlando in russo, minacciando, e sostenendo che “Questo è solo l’inizio” e di aver “intrapreso la via della jihad su ordine del nostro emiro”.

I due inoltre nel video incitano altri musulmani a fare lo stesso. Si tratta del primo attentato in Russia rivendicato proprio dallo Stato Islamico. Per ora, Mosca non ha voluto commentare la notizia della rivendicazione dell’Isis. A rivendicare l’attacco è stato proprio il Califfo dell’Isis, Abu Bakr al Baghdadi.